venerdì 17 maggio 2019

BOLO DO CACO ripubblicato per QUANTI MODI DI FARE E RIFARE IL PANE NEL MONDO


  Visitando il blog della cuochina ho visto che per la rubrica pani nel mondo ha sfornato un ottimo pane che a suo tempo aveva conquistato anche me. Il Bolo do Caco. E' ottimo, una vera alternativa al solito panino da farcire, per dirla all'emiliana simile alle tigelle da farcire con il lardo aglio e rosmarino. Ritornado al bolo do caco ripubblico la mia versione trovata per caso in questo blog. e farcita come solitamente fanno i portoghesi per la precisione i madeirensi, con il burro. Si perchè il bolo do caco è portoghese per l'esattezza dell'isola di Madeira nell'oceano Atlantico.  La ricetta della cuochina che si rifà all'originale, prevede l'uso della patata dolce io a suo tempo non avendole trovate, avevo usato patate nostrane a pasta gialla. Quello che non sapevo di questo pane è che va lasciato lievitare tre giorni, ma cosa posso farci la grande cuochina insegna! 

Nota della spesa
G, 250 di farina 0
g. 225 di patate lessate
g. 125 di li.co.li attivo
g. 200 di acqua tiepida
1/2 cucchiaino di sale
1/2 cucchiaino di zucchero
g. 50 di burro morbido
prezzemolo tritato
aglio tritato molto finemente
sale

*******************************************************************************************
Nella planetaria ho impastato il lievito con poca acqua, ho aggiunto la farina e la patata lessata e schiacciata e l'acqua rimanente. Infine ho aggiunto il sale e lo zucchero. ho ottenuto un impasto molto idratato e appiccicoso, ho continuato ad incordare ad una velocità media per circa cinque minuti. Ho trasferito l'impasto in una ciotole unta di olio, ho fatto alcune pieghe nella ciotola, infine ho lasciato lievitare per alcune ore. Trascorso il tempo della lievitazione l'ho capovolto su un piano ben infarinato, con le dita l'ho sgonfiato leggermente e suddiviso in parti uguali. Ho dato una forma rotondeggiante ed ho lasciato riposare per circa 30 minuti.
Nel frattempo ho preparato la farcia lavorando il burro morbido con una forchetta, ho aggiunto aglio ridotto in poltiglia una manciata di prezzemolo e il sale.
Ho scaldato una padella antiaderente ho preso una pallina di pasta l'ho allargata leggermente e fatta cuocere per circa 5/7 minuti per parte. Finita la cottura si taglia a metà e si spalma con la farcia. 
                                                     UNA BONTA' PRONTA PER LA CENA.  


      Ringrazio la cuochina per i consigli e porto questo pane direttamente nella sua lista dei pani nel mondo.                           
                                                                     Siate sempre lieti. 
                                                                         Nonna Dani


domenica 12 maggio 2019

STRACCHINO DELLA DUCHESSA PER TUTTE LE MAMME


                                                     Dedicato  a tutte le mamme. 
La mamma è un porto sicuro, dove puoi rifugiarti nei momenti difficili, dove puoi sempre ritornare e attraccare, è un abbraccio di amore senza fine, un punto di riferimento per grandi ed ancor di più per i bambini. Non a caso, la festa ricade nel mese di Maggio, mese dedicato a Maria, Madre della Chiesa.
Le origini di questo ottimo semifreddo sono molto incerte, pare si collochi tra le province di Parma, Modena e Mantova ideata da una nobildonna. E' un dolce delicatissimo a base di mascarpone (io panna montata) uova, zucchero cacao, mandorle e ricoperto di savoiardi inzuppati nel caffè e rum. La forma allungata gli conferisce il nome del famoso stracchino. Nella maggior parte delle ricette che ho consultato si usa il mascarpone, io per rendere il dolce più morbido e delicato ho usato la panna montata. Veramente una prelibatezza che conquista tutti. Accompagnato con il cioccolato fuso....vi lascio immaginare quanti bis... saranno richiesti!!
Nota della Spesa
g.500 di panna freschissima da montare
g. 50 di cacao amaro
g. 50 di mandorle tritate e tostate (con un cucchiaio di zucchero e una noce di burro)
g. 30 cioccolato fondente tagliato a scagliette
6 cucchiai di zucchero semolato
4 tuorli 
3 chiare montate a neve.
savoiardi
1 moka di caffè da 6
1/2 bicchierino di rum
**************************************************************************************
In un tegamino antiaderente tostare le mandorle tritate con un cucchiaio di zucchero e una noce di burro, lasciare raffreddare. tagliare a scagliette sottili il cioccolato fondente.
Montare i tuorli con lo zucchero per alcuni minuti, unire le chiare a neve fermissima ed infine aggiungere molto delicatamente con movimento dall'alto verso il basso la panna montata.
Dividere in due parti uguali, in una parte aggiungere il cacao, nell'altra le mandorle e il cioccolato a
scagliette. Foderare uno stampo rettangolare con i savoiardi bagnati nel caffè e rum, versare lo strato di cioccolato e sopra quello con mandole e cioccolato. Si ricopre con i savoiardi e si mette nel frezer.
Naturalmente prima di servirlo toglierlo almeno due ore prima. Servire con cioccolato fuso. 
    
                                                      OTTIMO ANCHE COSI'.
    Un abbraccio a tutte le mamme, un pensiero a quelle che non sono più con noi, in particolare alla  mia mamma che da lassù sono certa, veglia su di me.
                                                           Siate sempre lieti.
                                                                   Nonna Dani

giovedì 9 maggio 2019

RISOTTO CON MELE E CURRY

 E' possibile trovare ancora qualche buona mela per preparare questo risottino delicato e profumato al curry. Ho usato una mela golden ma potete usare qualsiasi  qualità di mela purchè sia dolce e succosa. Il sapore speziato del curry contrasta delicatamente con il profumo e il sapore della mela. Da provare vi conquisterà.
 Nota della spesa
g. 160 di riso carnaroli
g. 40 di parm.reggiano
g. 30 d burro
2 mele golden o altra qualità
1 cipollina dorata
1 cucchiaio di curry
1 dl di vino bianco (caldo)
brodo vegetale
1 rametto di timo
sale, pepe
***********************************************************************************************
Come prima cosa ricavare alcune fette centrali di una mela disporle sulla placca del forno foderata di carata forno e spolverate con poco zucchero, cuocere per 10 minuti a 180°. Le restanti mele ridurle a dadini. In un tegame rosolare la cipolla tritata con una noce di burro, salare leggermente, aggiungere il riso e tostarlo per alcuni minuti, irrorarlo con il vino caldo, lasciare evaporare e continuare la cottura aggiungendo il brodo caldo dove avrete sciolto il curry. Verso fine cottura unire i dadini di mela. Quando il risò avrà raggiunto il grado di cottura desiderato (meglio al dente) togliere dal fuoco, regolare di sale e pepe ed incorporare il burro rimasto freddo e il parm-reggiano. Lasciare riposare un minuto prima di servire.  
                          Decorare il piatto con le mele caramellate e rametti di timo fresco
                                                              Siate sempre lieti.
                                                                    Nonna Dani




domenica 28 aprile 2019

CORONA DI PASTA SFOGLIA POMODORI E FORMAGGI


Velocissimo, sfizioso e gustosissimo questo antipasto che ho preparato per il pranzo di Pasqua. Si prepara davvero velocemente, giusto il tempo di scaldare il forno. Io l'ho preparato e cotto la mattina di Pasqua. Naturalmente potrete usare ingredienti divesi da quelli che propongo io a secondo dei vostri gusti o di quelli dei vostri ospiti. Ottimo anche per una scampagnata o per una cena a buffet, si può gustare sia freddo che tiepido.
Nota della spesa
un rotolo di pasta sfoglia
1 mozzarella tagliata a fettine sottili
g. 50 di provolone dolce o altro formaggio a pezzetti
g. 50 di pomodori secchi o Patè
pomodorini datterini.
basilico.
olio evo
sale
*******************************************************************************************
Tagliare a rondelle i pomodori e lasciarli insaporire per una mezz'ora in una ciotola con olio evo pizzico di sale e alcune foglie di basilico. Stendere su carta forno la pasta sfoglia collocare al centro una tazza, pressare leggermente per avere la forma rotonda quindi partendo dal centro tagliare in 8 parti. 
Stendere ai bordi della pasta sfoglia il patè di pomodori secchi che avrete ottenuti frullando i pomodori interi, aggiungere le fettine di mozzarella, sopra alcuni pomodorini freschi scolati dall'eventuale acqua che si è formata e per ultimo il provolone a pezzetti o altro. A questo punto sollevare leggermente i bordi intorno e dal centro portare le 8 punte verso il bordo e fissarle sulla corona. Spennellare con uovo sbattuto.
                                      Cuocere in forno caldo a 200° per circa 15 minuti.
                                                                 Siate sempre lieti.
                                                                     Nonna Dani






mercoledì 24 aprile 2019

PEPERONI RIPIENI DI VERDURE

Buona giornata a tutti. Oggi vi consiglio un secondo o un contorno vedete voi, svuota frigo per intenderci di verdure. A volte capita, (a me spesso)  di ritrovarsi nel frigorifero mezza melanzana, una o due zucchine o qualche pomodorino ecc. e non saper come utilizzarle, ma dal momento che in cucina niente si butta, ho pensato di  preparare degli ottimi peperoni ripieni. Sono veloci da preparare invianti e coloratissimi mettono allegria in tavola.
 Nota della spesa
2 peperoni, rossi gialli
1 zucchina
1 melanzana piccola
alcuni pomodorini
mozzarella a cubetti      
prezzemolo tritato
aglio
sale,pepe
olio extra vergine
*****************************************************************************************
Tagliare a cubetti tutte le verdure, zucchina, melanzana pomodorini, in una padella rosolare alcuni cucchiai di olio uno spicchio d'aglio, aggiungere le verdure e rosolare bene per alcuni minuti, se necessario unire poca acqua.
 Le verdure devono rimanere croccanti, infine unire la mozzarella e il prezzemolo tritato. Lasciare raffreddare poi aggiungere 2/3 cucchiai di olio.Tagliare i peperoni in lunghezza spennellare con olio al loro interno riempire con le verdure, adagiare in una pirofila da forno irrorrare ancora con olio extra vergine. 
                                                        Cuocere a 220° per 30 muniti
                                                                     Siate sempre lieti.
                                                                          Nonna Dani


sabato 20 aprile 2019

LA PASQUALINA quella VERA


Ebbene sì ho rifatto la torta pasqualina. Le ragioni sono diverse innanzi tutto perché mi piace, perché assomiglia all'erbazzone reggiano che adoro, è di sicuro effetto visivo, ma soprattutto perché è tradizione e per quanto mi riguarda mantenere le tradizioni è importante . L'avevo preparata tempo fa per la rubrica "quanti modi di fare e rifare"  ed era stato un successo la ripropongo più o meno uguale ma con qualche strato di sfoglia in più. La pasqualina è un'antica specialità genovese con origini attorno al XIV secolo. Da sempre si cucina in occasione delle feste di Pasqua, così come nella sua preparazione, si dovrebbero ricordare gli anni di Cristo sovrapponendo, appunto 33 sfoglie sottilissime, per contenere la farcia di bietola, quagliata e uova.

                      Con quest'ottima pasqualina vi auguro una UNA SANTA PASQUA.


Nota della spesa
Per la pasta
g. 400 di farina
4 cucchiai di olio extra vergine 
acqua, sale
per il ripieno
1 kg. di bietole                                               
1/2 kg. di spinaci
g. 250 di ricotta
g. 100 di parm-reggiano
g. 125 di panna liquida
1 cipolla
1 spicchio d'aglio
1 cucchiaio di prezzemolo tritato
sale, pepe
********************************************************************************************
Impastare la farina con acqua olio e sale lavorare fino a che l'impasto diventa morbido. Arrotolarlo in carta trasparente e lasciare riposare.
In una ciotola unire la panna alla ricotta e amalgamare bene per rendere la ricotta morbida.
Nel frattempo mondare le bietole e gli spinaci e cuocerle in poca acqua per 10 minuti. Scolarle e tagliarle finemente con la mezzaluna o passarle nel mixer. In una larga padella soffriggere in alcuni cucchiai di olio evo la cipolla tagliata sottile, uno spicchio d'aglio e il prezzemolo, unire le erbette e fare insaporire per 10 minuti, lasciare raffreddare ed unire il parm-reggiano, sale e pepe.
Riprendere la pasta e dividerla in 8 pezzetti. Ungere d'olio il fondo di un tegame di diametro 28. Ricavare una sfoglia sottile dal primo pezzo di pasta, stenderla sul tegame in modo che esca dal bordo. ogni volta ungere d'olio e procedere con le altre 3 sfoglie gtirate sottili, non ugere l'utima sulla quale si sistemeranno le erbette condite. Stendere le erbette con una forchetta, aggiungere sopra la ricotta e stenderla ulteriormente con la forchetta. A questo punto fare 4 buchi e in ognuno rompere un uovo con sopra alcune gocce di olio, sale e pepe. Aggiungere le restanti sfoglie sempre tirate sottili distenderle ben unte sulla torta e facendole uscire dal bordo. A questo punto partendo dalla sfoglia esterna introducendo una cannuccia tra sfoglia e sfoglia, soffiare per gonfiare e chiudere immediatamente il buco dopo avere estratto la cannuccia. Arrotolare la pasta che fuoriesce dal bordo, tagliando quella in esubero chiudere cn i denti della forchetta. Infornare a 200° per circa 1 ora.
                                                      CHE DIRE FAVOLOSA.               
                                                           Siate sempre lieti.
                                                               Nonna Dani

lunedì 8 aprile 2019

CONCHIGLIE SPECK E MELANZANE


Vi lascio una ricettina veloce, veloce da preparare mentre cuoce la pasta o meglio da quando mettete la pentola a bollire, servono giusto venti minuti per preparare il condimento di oggi, se non siete amanti del peperoncino, potete non usarlo, io lo metterei ovunque, ma si sa de gustibus non est disputandum..   Buona settimana.
 Nota della spesa
Una confezione di speck tagliato a listarelle o a dadini
1 piccola melanzana tagliata a dadini
1 cipolla piccola tritata
1 spicchio d'aglio 
10 pomodorini 
g.100 di conserva di pomodoro 
peperoncino piccante
olio extra vergine
pecorino romano o parm.reggiano
sale, pepe
*******************************************************************************************
In una larga padella rosolare con alcuni cucchiai di olio la cipolla tritata e l'aglio, unire la melanzana, lo speck e rosolare per alcuni minuti. Aggiungere i pomodorini tagliati, la conserva e il peperoncino piccante continuare la cottura per altri 10/15 minuti, aggiungendo se necessario alcuni cucchiai di acqua calda.
Quando il pomodoro sarà rappreso salare, pepare ed aggiungere alcuni cucchiai di olio. Togliere dal fuoco e condite la pasta. 
Una spolverata di pecorino romano o parm.reggiamo o altro e via in tavola. Buon appetito.
                                                             Siate sempre lieti.
                                                                  Nonna Dani