lunedì 29 maggio 2023

RISOTTO SPECK ZUCCHINE E ZAFFERANO

Risottino davvero appetitoso. Amo molto cucinare il riso in modo semplice usando come ingredienti base prodotti semplici, reperibili un pò ovunque. Per tirare il riso a cottura uso spesso il brodo vegetale home made, ma quando il tempo non c'è il preparato liofilizzato di una nota marca di brodo diventa indispensabile.
Procuratevi dello speck tagliatelo a listarelle sottili, se non avete tempo lo trovate anche già tagliato, una zucchina e via in cucina, in mezz'ora sarà pronto, ah dimenticavo lo zafferano indispensabile per dare un sapore pungente e aromatico al vostro risotto.
                                                    BUON APPETITO
  
Nota della spesa x 2 persone 
gr. 160 di riso carnaroli o vialone 
gr. 100 di speck a listarelle
1 porro di media grandezza 
1 zucchina a cubetti
1/2 di lt di brodo vegetale 
Olio evo 
1 bustina di zafferano
parm.reggiano grattugiato 

******************************************************************************************

In un tegame soffriggere il porro tagliato a rondelle in alcuni cucchiai di olio e lo speck aggiungere il riso e fare tostare per circa dieci minuti aggiungendo se necessario poco brodo  perché non attacchi sul fondo del tegame. Continuare fino a metà cottura  unendo brodo vegetale.

 Aggiungere le zucchine  tagliate a cubetti e la bustina di zafferano A cottura ultimata spegnere il fuoco e coprire con il coperchio. Lasciare riposare per un minuto poi unire parm.reggiano e impiattare.
                                                    Siate sempre lieti.
                                                        Nonna Dani

  

martedì 16 maggio 2023

IL BENSONE


Che cos'è il Bensone (Bensòun in dialetto) è un tipico ed antico dolce di Modena, ottimo per tutte le occasioni, si accompagna bene con il tè e perché  no, a fine pasto inzuppato nello spumante, Malvasia o altro, anche se la tradizione prevedeva un bel bicchiere di lambrusco Grasparossa. Pare che originariamente il suo nome fosse "pane di benedizione" e che si portasse in chiesa il Sabato Santo o per altre feste religiose per la benedizione e solo successivamente modificato in bensone. La forma è tipicamente ovale, può essere farcino al suo interno con marmellata, nutella ma si può gustare semplicemente con una generosa spolverata di zucchero in granella, senza aggiungere altro.
Io l'ho farcito con il ripieno rimasto dei tortellini preparati  per Natale. E' un ripieno ricchissimo di sapori, di marmellate varie, mandorle, uvetta, caffè cioccolato, canditi. 
Mi scuso per le foto che non sono belle, ma il bensone è ottimo.
 
 
Nota della spesa
Gr. 500 di farina 00 di cui g. 50 di fecola di parate
gr. 200 di zucchero semolato
gr. 150 di burro 
3 uova🥚🥚🥚 
buccia grattugiata di 🍋 bio
latte quanto basta per impastare morbido🍶
pizzico  di sale
zucchero in granella
1 bustina di lievito per  dolci
*******************************************************************************************
Nella planetaria impastare un'impasto morbido mescolando il burro a temperatura ambiente con lo zucchero, unire a poco a poco la farina setacciata, le uova una alla volta, la buccia grat. del limone e il pizzico di sale. Prima di unire il lievito accertarsi che l'impasto sia morbido ed eventualmente aggiungere un poco di latte. Infine unire il lievito. 
Su un foglio di carta da forno stendere l'impasto con il mattarello, riempire con marmellata arrotolare su se stesso, infornare a forno caldo 190° per circa 30/40 minuti.
                         Siate sempre lieti.
                              Nonna Dani

lunedì 8 maggio 2023

MATLOUH ALGERIEN

Oggi presento questo ottimo pane suggerito dalla nostra cuochina della tradizione nordafricana, un pane buono, morbido e  rigorosamente cotto in padella, il che di questi tempi non guasta anzi, con i rincari dell'energia elettrica i costi delle bollette sono alle stelle, quindi ben venga anche una cottura in padella. Ho usato il mio li.co.li che da un pò trascuro...che per fare il suo dovere di lievito avuto 😂 aveva bisogno di qualche rinfresco.
In Marocco si accompagna in diversi modi dal dolce del miele, al salato dei formaggi o della carne. Io l'ho gustato con una crescenza morbida e con una dolcezza...che penso piaccia a tutti.
Nota della spesa
g. 125 di semola
g. 125 di farina Manitoba
g. 100 di licoli attivo
g  10 di olio extra vergine d'oliva
g.  10 di miele
g.  5 di sale
ml.170 di acqua
************************************************
In una terrina iniziare ad  impastare la farina di semola con l'acqua aggiungere poco alla volta la farina di forza, l'olio il miele, il lievito liquido il sale. Impastare bene per una decina  di minuti facendo anche delle pieghe. Lasciare lievitare per il raddoppio. 
Dovendo uscire non appena ha iniziato a lievitare ho messo l'impasto in frigo per tutta la notte. Il giorno dopo l'ho tolto dal frigo e a temperatura ambiente ho fatto lievitare per circa un'oretta. Ho poi sgonfiato l'impasto fatto alcune pieghe e rimesso a riposo per il raddoppio. Dopodiché ho steso l'impasto su un canovaccio dando una forma rotonda,  lasciato lievitare per circa 30 minuti ancora. Nel frattempo ho messo a scaldare una pentola e adagiato il pane, cotto per circa 10 minuti per parte.
                                                   OTTIMO CON LA CRESCENZA
                                                          MA CON LA NUTELLA
                    Come sempre ringrazio la cuochina, Anna & Ornella per la bella ricetta.
                                                              Siate sempre lieti.
                                                                   Nonna Dani

mercoledì 12 aprile 2023

SPEZZATINO DI MANZO ALLA PAPRIKA CON PATATE

Lo spezzatino di manzo con patate è un classico secondo piatto della cucina italiana. Ho aggiunto la paprika dolce per dare al mio piatto un gusto piacevolmente fruttato e leggermente dolce.  Quando le trovo compro le patate della Sila, prodotte e coltivate a più di 1000 m di altitudine rendendole più ricche di amido, di proteine e di sapore.  
Nota della spesa x 2 persone
gr. 400/500 di spezzatino di vitellone
gr. 300 di patate tagliate a cubetti
g. 250 di polpa o conserva di pomodoro
brodo vegetale o di carne
1 spicchio d'aglio
1 rametto di rosmarino tritato
1 cipolla dolce io ho usato tipo Napoli
paprika dolce
olio evo
sale/pepe
**********************************************************************************************
Ho rosolato in alcuni cucchiai di olio la cipolla tagliata, l'aglio e il rosmarino tritato fine, ho aggiunto i pezzetti di carne ed ho lasciato insaporire per circa 10 minuti, poi ho aggiunto il pomodoro, una spolverata di paprika dolce e 1/2 bicchiere di brodo. Ho fatto cuocere a fuoco lento per circa un'ora, ho aggiunto le patate, ancora un pò di brodo e lasciato cuocere finchè la carne non è risultata tenera e il sughetto ben cremoso.
                                                   Ho servito caldo.
                                                      Siate sempre lieti.
                                                           Nonna Dani


domenica 2 aprile 2023

LA RESTA DI COMO per QUANTI MODI DI FARE E RIFARE

La domenica delle Palme che la chiesa festeggia oggi, dà inizio alla settimana Santa introducendoci nei misteri della passione, morte e risurrezione di Gesù. Ho accettato l'invito della mia amica cuochina per la rubrica 
https://quantimodidifareerifare.blogspot.com/2023/03/pani-pasquali-nel-mondo-la-resta-di-como.html?m=1 e ho preparato proprio per questa domenica il dolce tipico comasco La resta di Como. Come scrive la cuochina è un pane dolce che, nella tradizione comasca, è legato alla celebrazione della domenica delle Palme. La specificità simbolica del dolce consiste in un ramoscello di ulivo infilato nella pasta, e nella ripetizione del segno della spiga (o della lisca, o resca, che fa lo stesso) sulla sua superficie, ambedue simboli dioici (associati nelle culture tradizionali ai miti lunari della rinascita primaverile) da cui deriva il nome di questo pane rituale. Concordo  che l'impasto risulta in pò unto ma il sapore di buono c'è tutto. Ringrazio la cuochina Anna Ornella e Nadia per la bella rubrica di pani nel mondo. 
Spero mi scuserete se le foto non sono ottimali.
Nota della spesa
gr. 400 di farina forte
gr. 5 di lievito  secco
gr. 120 di zucchero
gr. 130 di burro fuso
gr. 100 di uvetta
gr. 100 di canditi
2 uova + 1 tuorlo 🥚🥚 
2 bicchierini di miele 🍯 
Buccia di  🍋 grattugiata
1 pizzico di sale🧂
***************************************************
Ho impastato un lievitino con il lievito secco sciolto in g. 40 di acqua tiepido e g. 80 di farina messo a riposare per un'oretta. Nella planetaria ho unito al lievitino il burro sciolto lo zucchero, il miele, la buccia del limone grattugiata, le uova una alla volta, la farina setacciata e il sale. Ho impastato bene per circa dieci  minuti poi lasciato lievitare per il raddoppio.

A parte in una terrina ho lasciato ammollare l'uvetta, i canditi in 1/2 bicchierino di limoncello.
Ho ripreso l'impasto, ho aggiunto l'uvetta  e i canditi ben scolati e leggermente infarinate, ho dato una forma leggermente allungata ho inserito il rametto di ulivo liberato delle foglie e messo a lievitare. A lievitazione ultimata ho cotto in forno caldo 180° per 60' minuti forse ne bastavano anche 50'....
Lasciato raffreddare e servito con un buon prosecco.
                   BUONA DOMENICA DELLE PALME E BUONA SETTIMANA SANTA A TUTTI.

                                                           Siate sempre lieti.
                                                                Nonna Dani
                                              💖💖Buona Pasqua a tutti💖💖

domenica 26 marzo 2023

RISOTTO MELE E ACETO BALSAMICO

Questo è un semplicissimo risotto. Si prepara davvero in poco tempo e bastano pochi ingredienti, una mela golden o quella che preferite, e un buon aceto balsamico. Immancabile è la spolverata di parmigiano-reggiano, ma quello si sa, non manca mai sulle nostre tavole.
Nota della spesa
gr. 160 di riso 🌾 
1 mela 🍎 tagliata a dadini
gr. 50 di burro
1/4 di lt. di vino bianco
brodo vegetale
parm-reggiano
sale
********************************************************************************************************************

Tagliare a dadini una mela privata della buccia, tenerne da parte 1/4 e passare la restante nel mixer per tritare finemente, per avere una purea finissima. In una casseruola sciogliere 20 gr. di burro unire il riso e farlo tostare per alcuni minuti, aggiungere il vino lasciarlo sfumare poi continuare a cuocere il riso aiutandosi con il brodo vegetale. A metà ottura unire la purea di mele, continuare la cottura del riso ed infine aggiungere i restanti dadini di mela. Togliere dal fuoco e mantecare con il retante burro freddo. 
Servire con alcune gocce di aceto balsamico e una generosa spolverata di parm-reggiano.


                                                       Siate sempre lieti.
                                                           Nonna Dani




giovedì 16 marzo 2023

CAVOLETTI DI BRUXELLES IN PADELLA

 

Davvero buoni i cavoletti cucinati cosi. Bastano pochi ingredienti e poco tempo per gustare un contorno saporito e sfizioso. I cavoletti sono ortaggi coltivati principalmente nel nord Europa perchè favoriti dal clima freddo, sono del piccoli germogli di cavolo dal colore verde brillante. Si cucinano in diversi modi, al forno al gratin, stufati  o semplicemente in padella come ho fatto io, aiutata dallo speck e da una generosa spolverata di pecorino romano.
Nota della spesa
Una confezione di cavoletti di Bruxelles circa gr.350/400
gr. 100 di speck tagliato a listarelle
gr.   40 di pecorino romano grattugiato
1 spicchio d'aglio
acqua di cottura q.b.
olio evo
sale/pepe
**********************************************************************************************
Lessare al dente in abbondante acqua salata i cavoletti. Nel frattempo nella padella ben calda rosolare lo speck e l'aglio schiacciato, aggiungere i cavoletti scolati ed alcuni cucchiai di olio, continuare la rosolatura aiutandosi con l'acqua di cottura. Servire caldi con una generosa spolverata di pecorino romano.

                                                       Siate sempre lieti.
                                                            Nonna Dani