domenica 10 settembre 2017

POLLO IN FRICASSEA per QUANTI MODI DI FARE E RIFARE


 Eccoci qui care cuochine al nostro bel appuntamento dei Quanti modi di fare e rifare. Avete finito le vacanze? Oppure siete in partenza? Per me sono finite da un pò, purtroppo.... ma ho ancora un ricordo vivo delle mie vacanze con una punta di malinconia per le belle giornate di sole trascorse al mare e per la bellissima settimana in Val d'Aosta con i mie amici più cari, e tu cara cuochina dove sei stata in vacanza? Il piatto che ci hai proposto per l'appuntamento di settembre non l'ho mai cucinato e per l'occasione mi sono documentata un pò, tanto per non fare brutta figura e ho scoperto che la fricassea dal francese fricassée è una tecnica di preparazione della carne bianca, solitamente stufata, come pollo, coniglio, vitello, che viene tagliata a tocchetti  fatta insaporire da erbe aromatiche o verdure come cipolla, carota sedano ed infine insaporita dal tuorlo d'uovo amalgamato con il succo di limone. Nonostante il nome faccia intendere che la fricassea abbia origini francesi, la sua preparazione è diffusa soprattutto al nord Italia, in Grecia e in Nord Africa. Dopo tanta cultura sulla fricassea aggiungo solo che il piatto è piaciuto specialmente a mio marito che non ama il pollo il che è tutto dire. Brava cuochina riuscire a fargli mangiare il pollo non è facile.... Mi scuso per le foto.. non sono un granché, anzi sono bruttine.



Nota della spesa
g. 350 di bocconcini di pollo
1/2 cipolla
g, 20 burro
1 cucchiaio di olio evo
1/2 bicchiere di brodo vegetale
1 cucchiaio di farina
sale, pepe
tuorlo
1/2 limone
erbe aromatiche (prezzemolo, rosmarino, salvia, origano)
*************************************************************************************************
Seguendo le indicazioni della cuochina ho fatto sciogliere a fuoco bassissimo poco burro e 2 cucchiai d'olio in una padella antiaderente, ho unito la farina e mescolato velocemente per evitare grumi, per evitare che si addensi troppo ho aggiunto il brodo vegetale, appena inizia sobbollire ho unito la cipolla, le erbe aromatiche e i bocconcini di polli. Mescolando i tanto in tanto ho lasciato cuocre per circa 30 minuti. A parte ho leggermente montato il tuorlo con una forchetta aggiungendo il succo di limone. A fine cottura del pollo ho aggiunto l'uovo ho mescolato per qualche secondo sul fuoco, poi ho spento e portato in tavola. l'ho accompagnato con carote lessate, passate leggermente in padella con burro e con una salsa cotta di verdure.
Un caloroso grazie alla cuochina ad Anna&Ornella e a tutte voi.
Siate sempre lieti.
Nonna Dani
      

6 commenti:

  1. Pollo in fricassea certamente squisito e contorni da copiare, buona domenica e alla prossima!

    RispondiElimina
  2. Buongiorno carissima, e ben ritrovata!

    Grazie per la tua eccellente versione del “Pollo in fricassea”.

    Oggi, noi, le Cuochine Anna e Ornella ti scriviamo a quattro mani da quel di Fukuoka (JP).
    Ebbene sì, una volta tanto siamo insieme anche fisicamente (*-*) è un felice evento che condividiamo con tutti voi, per vederci basta fare una capatina nel blog della Cuochina .

    Il prossimo appuntamento con la simpatica e vivace cucina aperta di Quanti modi di fare e rifare sarà l'8 ottobre con la ricetta regionale del Budinone senese
    Ti aspettiamo!

    Un abbraccio
    Cuochina
    Anna & Ornella

    RispondiElimina
  3. Ciao Dani, ottimo questo pollo, vero? Un abbraccio a presto

    RispondiElimina
  4. ciao nonna Dani,
    come ci piace tutto il tuo piatto!!!
    Molto bella l'idea del contorno: carote, salsina e..fettina di limone
    BRAVISSIMA
    Un bacio dalle 4 apine
    P.S. abbiamo visto che hai postato durante l'estate delle ricette bellissime ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie apine sempre gentilissime, un abbraccio a voi e alla tenerissima apina Camilla.

      Elimina

Ogni vostro messaggio è gradito purchè non offenda nessuno. I commenti anonimi non saranno presi in considerazione.