Novità in cucina

martedì 18 febbraio 2014

TORTELLI DI ZUCCA



 
Se avete la possibilità di trovare ancora qualche buona zucca potete preparare questo primo piatto per un giorno di festa o per un'occasione importante. I tortelli di zucca fanno parte della tradizione della mia terra. Frutto del lavoro dell'uomo, la zucca ha un gusto versatile, che si presta alla preparazione di numerose ricette, dall'antipasto al dolce,  ed è capace di soddisfare anche i palati più esigenti.
E' il piatto simbolo della cucina mantovana, ma è molto diffuso anche nelle province vicine, Parma  Reggio Emilia, Piacenza e Cremona. La caratteristica più importante di questo piatto è la combinazione fra il sapore dolce della zucca ed il salato del grana, il dolce-amaro degli amaretti ed il piccante della mostarda.(l'aggiunta della mostarda è tradizione tipica mantovana)
I tortelli si possono condire in diversi modi: con burro fuso in tegame, leggermente scurito ed aromatizzato con la salvia con aggiunta di grana, oppure con un soffritto di burro e cipolla e poco pomodoro, unito a lardo, pancetta, o pesto di maiale.Ha pochissime calorie e non contiene grassi, è ricchissima di carotenoidi (vitamina A), potassio e fosforo.
Vi servirà:
g.900 zucca cotta in forno

g 100 amaretti
g.100 parmigiano reggiano
1 cucchiaio di miele
scorza di limone grattugiato
poco sale
Per condire
burro
parmigiano-reggiano
Per la pasta
4 uova   
g.400 farina ( 2/3 farina 0 1/3 semola)
Dopo aver lavato e tagliato a pezzi la zucca, pulita dai filamenti e dai semi, si cuoce in forno a temperatura media, poi si strizza per bene la polpa. 
 Questa operazione si fa se la zucca risulta acquosa strizzandola in un canovaccio, diversamente se la polpa di zucca rimane asciutta non è necessario.
 
In una ciotola si unisce la polpa di zucca con gli amaretti polverizzati, il parmig-reggiano, la scorza del limone, il miele ed il sale.
Si impasta per la pasta e si preparano delle strisce dove si dispone a cucchiaiate il ripieno.
 Si chiudono i tortelli, si tagliano con la rotella dentellata e si ripassano ulteriormente con la forchetta per evitare la  fuoriuscita di ripieno durante la cottura.
 
 
                Si cuociono in acqua bollente salata e si scolano al dente.
Si adagiano a strati in una zuppiera e si condiscono con burro fuso e parmigiano-reggiano
                                             
Buon Appetito
Nonna Dani

3 commenti:

  1. Devono essere squisiti e poi sono dannatamente belli U.U
    Complimenti!
    la zia Consu

    RispondiElimina
  2. E' vero l'occhio vuole la sua parte... sono buonissimi.
    Grazie.

    RispondiElimina
  3. Li ho mangiati qualche anno fa a Mantova e sono buonissimi i tuoi sono bellissimi complimenti !!!!
    Un abbraccio :-)))

    RispondiElimina

Ogni vostro messaggio è gradito purchè non offenda nessuno. I commenti anonimi non saranno presi in considerazione.