Novità in cucina

martedì 30 giugno 2015

IL NOCINO

Per tradizione la notte del 23 giugno di S.Giovanni si raccolgono le noci per il nocino, perché bagnate dalla miracolosa rugiada di S.Giovanni. Questa notte misteriosa porta con sé tante usanze della tradizione antica oggi recuperate in numerose campagne, agriturismi e comuni agricoli. Questo giorno di solstizio d'estate è il primo di una nuova stagione ed è associato alla festa di S.Giovanni Battista giorno della sua nascita 6 mesi prima di Gesù Cristo. Si parla anche di una notte magica legata ad antiche credenze, di magie e riti propiziatori per influenzare e favorire le piante e le erbe di forza e proprietà curative. Tornando alle nostre noci, in effetti questo è il momento migliore per raccoglierle per poterle tagliare senza troppa fatica, dal momento che il mallo della noce è immaturo, quindi tenero. Ovviamente le noci si possono raccogliere anche nei giorni precedenti o successivi come ho fatto io, oppure si possono comprare in sacchetti confezionati, come ho visto nel supermercato vicino a casa. L'importante è non raccoglierle in piena estate o addirittura verso la fine, perché sarebbe impossibile tagliarle.
***************************************************************************
Vi servirà:
1 l. di alcool etilico a 95°. 
20 noci verdi 
10 chicchi di caffè
  4 chiodi di garofano
un pezzo di stecca di cannella
la scorza di un limone bio
1/2 litro di acqua
g. 500 di zucchero
*********************************************************************************
Dopo aver lavato le noci tagliarle in quattro spicchi. E' un'operazione che richiede un' po' di forza e un buon coltello, per questo motivo è fondamentale che le noci siano state raccolte entro il mese di giugno perché hanno raggiunto la maturazione giusta., che consente di tagliarle senza troppa difficoltà.




In un vaso di vetro capacità da 2 litri a chiusura ermetica, inserire le noci tagliate, i chiodi di garofano, i chicchi di caffè, il pezzetto di cannella, la scorza del limone (comodo usare il pelapatate) e l'alcool etilico. 








Lasciare in infusione per 40 giorni avendo cura di rimuovere spesso il vaso. Trascorso questo tempo, preparare uno sciroppo facendo bollire l'acqua con lo zucchero e unirlo una volta intiepidito all'infusione. Il nocino va filtrato con gli appositi filtri di carta, imbottigliato preferibilmente in bottiglie scure e lasciato riposare fino a Natale. E' un'ottima idea regalo.
                                                                      Siate sempre lieti.
                                                                            Nonna Dani

1 commento:

  1. ciao nonna Dani,
    molto, molto bella la tua ricetta del nocino con i chicchi di caffè!!
    E' proprio il periodo dove si cerca di conservare i profumi dell'estate per l'inverno.
    Brava e un bacio dalle 4 apine

    RispondiElimina

Ogni vostro messaggio è gradito purchè non offenda nessuno. I commenti anonimi non saranno presi in considerazione.