Novità in cucina

venerdì 31 gennaio 2014

PAN GOCCIOLE E LICOLMELA

 

Oggi è l'ultimo dei tre giorni della merla, la tradizione popolare dice che sono i giorni più freddi dell'anno: mio nipotino mi ha raccontato di una famigliola di merli......lo sai nonna che......
 


Tanto, tanto tempo fa ci fu un inverno molto rigido. La neve copriva le città, i campi e i giardini.
Su un albero c’era il nido di una famigliola di merli, che a quel tempo avevano le piume bianche come la neve. C’era la mamma merla, il papà merlo e tre piccoli uccellini.
La famigliola soffriva il freddo e invano il merlo volava da mattina a sera in cerca di becchime per la sua famiglia: la neve copriva ogni briciola.
Verso la fine di gennaio, il papà merlo disse alla moglie:
- Se continua così moriremo, io parto: volerò lontano per trovare n rifugio più mite. E così fece.
La mamma, nel frattempo, per proteggere i merlotti intirizziti dal freddo, spostò il nido sul tetto di un palazzo, a fianco di un camino da cui usciva tutto il giorno il fumo e da cui proveniva un po’ di tepore.
Dopo tre giorni (29 30 31) il papà tornò a casa e quasi non riuscì più a riconoscere la sua famiglia! Il fumo nero che usciva da damino aveva colorato di nero tutte le piume degli uccellini.
Per fortuna i primi di febbraio comparve un pallido sole e l’inverno divenne meno rigido, così i merli riuscirono a trovare cibo sufficiente per arrivare alla primavera. Da quel giorno però tutti i merli nascono con le piume nere e gli ultimi tre giorni del mese di gennaio sono detti "i giorni della merla".


Per questo giorno un pò speciale con il  mio licolmela, ho preparato una merenda speciale per i miei nipotini i pan gocciole al cioccolato con
 gr. 250 farina di forza
gr. 125 latte tiepido
gr.   75 licomela attivo
gr.   50 di zucchero
gr.   30 burro
gr.   70 gocce di cioccolato
1 uovo, sale
In una terrina  ho sciolto il licomela con il latte, ho aggiuto la farina, lo zucchero, il burro ammorbidito e l'uovo. Ho impastato bene infine ho aggiunto le gocce di cioccolato e un pizzico di sale. Ho lasciato lievitare coperto per il raddoppio.
            
 
Trascorso questo tempo circa 4/5 ho ripreso l'impasto che risultava abbastanza morbido, l'ho rimpastato facendo alcune pieghe, poi ho formato delle palline e le ho stese sulla placca del forno lasciandole lievitare ancora.
Cuocere, a lievitazione ultimata, in forno per circa 20 minuti a 190°.
Buonissima merenda....... 
                                           
 
Con questa ricetta partecipo a questo contest
 
Partecipate al mio contest!
 
 
 
 
 SEGUE LA RICETTA DEL MIO NUOVO LICOL - FRUTTA " LICOLMELA" 
   
Ho comprato al mercato delle belle mele fuji, per chi non le conoscesse sono mele con una polpa succosa e croccante il sapore è dolce ed è ricca di fruttoso. Cercando nel web ho scoperto che questa mela dal nome tipicamente giapponese è nata proprio nel paese del sol levante negli anni trenta, da un incrocio fra due tipi di mela le Red Delicious e le Kokko.
Tempo fa avevo provato a creare il licolmela ma il mio tentatino non era andato a buon fine.
Davanti a mele così belle non ho potuto fare a meno di riprovare e questa volta tutto è riuscito alla perfezione.
Il metodo usato è quello di Anna licoluva lievito naturale e precisamente la sintesi LICOLUVA 2.
Ho fatto così
Venerdì ore 14 ho riempito un vasetto di vetro con gr.100 di acqua e gr.100 di mela tagliata + parte del torsolo + qualche pezzetto di buccia e ho lasciato per due giorni in un armadietto della cucina.
Domenica
ore 14 ho preso un vasetto pulito ho aggiunto gr.25 di acqua mela + gr.19 farina di forza + un pezzetto piccolo di mela schiacciata avvolto in una copertina di pile a lievitare
ore 20 altro vasetto pulito + tutto il lievito + gr.25 di acqua mela + gr. 19 farina di forza + altro pezzetto di mela schiacciata, avvolto nel pile a lievitare.
Lunedì mattina si presentava così
ore 8 sempre in un vasetto pulito ho messo tutto il lievito + gr.25 acqua bottiglia + r. 20 farina di forza
ore 14 tutto il lievito + gr. 30 di acqua + gr.23 farina di forza
ore 20 il mio lievito era bellissimo e profumatissimo ho aggiunto gr. 75 di acqua + gr. 75 di farina di forza per avere una quantità per panificare il giorno dopo.
Martedì mattima ho panificato.
 
 
 

5 commenti:

  1. Che bella favola la conoscevo ma è stato bello rileggerla !!!!!!
    I tuoi pan goccioli sono bellissimi chissà con che gioia li avranno divorati dandoti tutto l'onore che meriti !!!!!!!
    Fantastico il licoli mela mi tenti ma ne ho già tre in frigo .........e tu quanti ne hai !!!!!
    Un abbraccio :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ai miei bimbi sono piaciuti tanto, di licoli ne ho tre li suo a rotazione rinfrescandoli ogni tanto.
      Grazie buona domienica.
      .

      Elimina
  2. Bel racconto, goduriosi pangoccioli e super licol-frutta :))
    Ma lo hai usato tutto?
    Sarebbe un peccato, è venuto benissimo nonostante le basse temperature di questo periodo.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Non l'ho usato tutto, ho preparato anche una cosina....per la madia della cuochina....(fa anche rima). per riparalo dalle basse temperature, su tuo consiglio ho usato una copertina di pile e funziona molto bene.
    Buona domenica.

    RispondiElimina
  4. Che bella merenda che hai preparato e poi a lievitazione del tutto naturale..è fantastica e ti ringrazio x averla donata al mio contest!
    Ti chiedo solo come da regolamento di unirti ai miei followers su bloglovin e GFC..io l'ho già fatto x il tuo blog, non ho intenzione di perdermi più nemmeno una ricetta ^_^
    Buona domenica e a presto <3
    la zia Consu

    RispondiElimina

Ogni vostro messaggio è gradito purchè non offenda nessuno. I commenti anonimi non saranno presi in considerazione.