giovedì 16 marzo 2017

LICOLARANCIA

Non sono riuscita a desistere, da tempo ci pensavo, mi frullava per la testa l'idea di preparare un altro li.co.li. Perchè mi domando? Il perchè non lo so nemmeno io, dal momento che ci vuole tempo da dedicare, attenzione e soprattutto perchè ho altri due li.co.li in frigo da tenere sotto controllo. Penso sia la voglia di sperimentare qualcosa di nuovo che non mi abbandona... per fortuna dico io. Aggiungo che la preparazione di un lievito è sempre affascinante, sorprendente e allora via... ecco il licolarancia con le arance tarocco biologiche di stagione. Naturalmente il tempo necessario per la nascita del lievito varia a seconda della temperatura che si ha in casa ma anche fuori casa. In inverno il procedimento è più lento, occorre avere una cucina riscaldata e avvolgere il vasetto con un tessuto di lana, mentre in estate il tutto è più veloce, ma attenzione va controllato spesso, perchè il troppo caldo può far collassare il lievito e se non si rinfresca può inacidire. A questo proposito per tutti i suggerimenti e nuovi nati vi consiglio di passare da Anna&Ornella
                                                               IL LICOLARANCIA
******************************************************************************************

                                                                      (foto scaricata da internet)
Nota della spesa
gr. 150 di acqua naturale +gr.150 di arancia tarocco bio tagliata
a spicchi messa in infusione per due giorni. Il primo giorno lasciatelo su un ripiano della cucina, il secondo meglio in frigo.




DOPO 2 GIORNI DI INFUSIONE SI 
COMINCIA



 
Togliete l'acqua di infusione dal frigo e passatela 
alcuni secondi ne bastano 10/15 nel microonde, non
deve essere troppo fredda.
ORE 11
gr. 30 di farina manitoba + gr. 30 di acqua di infusione filtrata  mettere sempre il coperchio ma non avvitatelo
ORE 17 tutto il lievito + g. 30 di farina  man.+ g. 30 di acqua di infusione 




GIORNO DOPO ORE 7.30
tutto il lievito + g. 30 di farina man. + g. 30 di acqua di infusione   
ORE 14.30 tutto il lievito + g. 30 di farina man. + g. 30 di acqua naturale 




ORE 18 bellissimo e profumatissimo
Ho cambiato il vaso per l'ultimo rinfresco tutto il lievito + g. 50 di farina man. + g. 50 acqua naturale











Il mattino del giorno dopo era così
pronto all'uso 
(circa g. 320/340 qualcosa va disperso)




Ne ho prelevati g. 110 per fare le veneziane che posterò al più presto, il resto l'ho travasato in un vasetto pulito e messo in frigo, pronto per essere usato all'occorrenza. Naturalmente se ne possono prelevare in minime quantità  ma ogni volta si devono fare almeno due rinfreschi per avere un lievitodegno di essere chiamato "lievito attivo" poi di prepara l'impasto.
Es. se servono g. 100 di licoli attivo si procederà così:
1° rinfresco g. 20 licoli+ g. 20 acqua+g.20 farina di forza
2° rinfresco tutto il primo + g. 20 acqua + g. 20 farina ( tot. 100)
oppure così
1° rinfresco g. 30 licoli + g.10 acqua+g.10 farina
2° rinfresco tutto il primo +g. 25 acqua + g. 25 farina
Naturalmente le quantità sono indicative a secondo del bisogno ma fondamentale è che le percentuali di acqua e farina aggiunta siano uguali.
Il li.co.li può rimanere in frigo circa un mese prelevandole solo piccole quantità, si deve però assolutamente fare un rinfresco totale o parziale quando la quantità riduce troppo g.80/100.
Per esempio il vostro licoli che si riposa in frigo e di g. 80 fate un rinfresco tot.... per esempio: g. 80 di li.co.li + g. 80 acqua+ fi g. 80 farina (per 2volte) poi prendete la parte di lievito che vi occorre per panificare la restane mettetela in frigo.
                            Vado subito dalla cuochina a riporre il nuovo nato nella madia dei li.co.li

                                                                 Siate sempre lieti.
                                                                     Nonna Dani

4 commenti:

  1. Grazie mille Daniela, bellissimo questo licolarancia. Lo abbiamo riposto nella madia del licoli.
    Aspettiamo anche i lievitato fatti con questo licoli.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Bravissima, meraviglioso questo nuovo Licoli!!!

    RispondiElimina
  3. voglio iniziare anche io a preparare il licoli di arancia,parto dal tuo post poi ti faccio sapere

    RispondiElimina
  4. ciao ho appena postato il licoli,felice giornata http://cioccolatoamaro-paola.blogspot.it/2017/05/licoli-allarancia-in-diretta.html

    RispondiElimina

Ogni vostro messaggio è gradito purchè non offenda nessuno. I commenti anonimi non saranno presi in considerazione.