Novità in cucina

domenica 8 marzo 2015

I MARITOZZI per QUANTI MODI DI FARE E RIFARE

Per mancanza di tempo purtroppo non ho partecipato all'appuntamento di febbraio dei Quanti modi di fare e rifare ma questo mese è impossibile mancare... i maritozzi di sississima, sono tentazioni a cui non ci si può sottrarre. Ho usato la ricetta originale con poche variazioni, ho sostituito il lievito di birra con il licoli, ho aggiunto il burro e non me ne vogliano i romani ho sostituito la panna con la crema.
Sempre per mancanza di tempo ho fatto un solo impasto, anche in considerazione del fatto che il licoli era molto attivo, ma essendo la ricetta ricca di ingredienti (pinoli, uvetta, canditi) suggerirei di procedere con due impasti, per intenderci come si fa con il panettone, al fine di rendere la lievitazione ancora più morbida.
Vi servirà:
g. 100 di farina 0
g. 200 di farina manitoba
g. 100 di licoli ben rinfrescato io tre volte
g.  75 zucchero vanigliato (home made)
g.  20 burro fuso
1 cucchiaio di olio evo
g. 100 latte tiepido
g.  50 arancia candita
g.  20 pinoli
g.  75 uvetta ammollata nel marsala
pizzico di sale
1 uovo di crema pasticcera
********************************************************************************





Nella planetaria ho sciolto il licoli con u po' di latte tiepido poi ho aggiunto lentamente tutti gli altri ingredienti ho impastato a bassa velocità aiutandomi dal restante latte tiepido. Quando l'impasto si è ben incordato l'ho trasferito in una terrina di vetro e l'ho lasciato tutta la notte a lievitare.










Il mattino dopo ho ripreso l'impasto ho fatto alcune pieghe e l'ho diviso in 12 piccole parti uguali dando la forma ovale. Ho rimesso a lievitare. Ho cotto in forno per circa 15 minuti a 200°, poi  ho spennellato la superficie dei maritozzi con zucchero sciolto in acqua bollente e ho rimesso in forno per alcuni minuti.







 In un secondo tempo ho provveduto a fare un taglio centrale nei maritozzi e ricoprirli con la crema ed una leggera spolverata di zucchero a velo. Sono una bontà!
Buoni, buoni....Nonna Dani
Grazie a Sississima per l'ospitalità, alla cuochina e a tutte le amiche che parteciperanno e che passeranno da qui.

                                                                 

9 commenti:

  1. Buona domenica carissima Daniela,
    ti auguriamo una splendida giornata dedicata alla donna!

    Oggi, insieme a rose e mimose, spiccano nella “blogsfera” anche tantissimi, fantastici maritozzi che fanno venire l'acquolina in bocca a molti!!
    Anna e Ornella ti ringraziano di cuore per la meravigliosa versione che hai condiviso nella grande cucina aperta della Cuochina!

    Il prossimo appuntamento è per il 12 di aprile con un classico della cucina italiana Lasagne verdi emiliane di Afrodita, non mancare!!

    Un abbraccio

    Cuochina

    RispondiElimina
  2. come sei brava, hai utilizzato il licoli, io invece con lievito madre e licoli sono una frana...li ho sempre uccisi perchè me li dimentico nel frigorifero...squisiti ripieni di crema pasticcera! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  3. Cara Nonna Dani sono golosissimi! Visto che è quasi ora di merenda te ne ruberei uno.
    A rileggerci presto e alla prossima ricetta dei Quanti

    RispondiElimina
  4. Mamma mia ne ho visti di bellissimi e anche i tuoi fanno venire voglia di addentarli!!!

    RispondiElimina
  5. Ottimi con la crema pasticcera, alla prossima!!!

    RispondiElimina
  6. ciao Nonna Dani,
    bisogna proprio dire che questo ristorante è da consigliare a tutti!
    Brava nonna Dani, abbiamo grande ammirazione per chi usa licoli e lievito madre...perchè noi
    "NO CAPACI"
    Un bacio dalle 4 apine.....mese prossimo siamo vicini-vicini!!

    RispondiElimina
  7. Ciao Nonna Dani. Buonissima versione con il licoli, il mio è dimenticato nel frigo devo rianimarlo un giorno...
    Un abbraccio e alla prossima!

    RispondiElimina

Ogni vostro messaggio è gradito purchè non offenda nessuno. I commenti anonimi non saranno presi in considerazione.