Novità in cucina

domenica 11 marzo 2018

RIS CUN LA TERDURA per QUANTI MODI DI FARE E RIFARE

Benvenute nella mia cucina alle cuochine dei quanti modi di fare e rifare! Prepareremo insieme il "Ris cun la terdura". Si perchè la nostra carissima cuochina questo mese ci invia a preparare un piatto tipico della mia città, il Ris cun la terdura, o meglio tevdura come si dice in dialetto reggiano. E' un piatto conosciuto come, riso con la tritura, ris cun la tradura, ris cun la terdura tradotto in reggiano ris cun la tevdura. Di questa minestra si è quasi perduto il significato. Era la minestra della festa, considerata ricca gustosa, poichè venivano aggiunte uova e formaggio. D'obbigo il brodo buono quello attenuto da galline ruspanti. Conosciuta anche come minestra del paradiso era la cura ideale per malati e convalescenti.  In un sito del dialetto reggiano  ho trovato la ricetta originale, l'ho tradotta e usata per preparare il piatto. La ricetta è uguale a quella proposta dalla te carissima cuochina, cambia solo nella quantià di formaggio, probabilmemte perchè il costo del parm-reggiano ai tempi in cui risale la ricetta, incideva parecchio sulla spesa, ed era considerata una sciccheria da gustare alla domenica.

Quello che serve per 4 persone:
g. 250 di riso per risotti
1 litro di brodo                                                                         
3 uova
3 cucchiai abbondanti di formaggio grana grattugiato
un pizzico di pepe, sale

Preparazione:
Fare bollire il brodo e il riso fino a quando il riso è quasi cotto (15/16 minuti): A parte sbattere le uova con il grana e il pizzico di pepe. Nel brodo che bolle, versare l'uovo sbattuto, mescolare un pò forte per evitare i grumi. 
Il calore del brodo e del riso fanno legare l'uovo e il formaggio che si sbriciolerà nella minestra. Va servito caldo a piacere con una buona informaggiata.
Nota
Le massaie d'un tempo facevano cuocere il riso nell'acqua bollente poco salata, scolavano il riso molto al dente e lo passavano nel brodo bollente, lo facevano cuocere per due o tre minuti e all'ultimo momento aggiungevano l'uovo sbattuto con il formaggio e servivano. In questo modo il brodo non si infittiva.
Curiosità
La tevdura è un condimento antico, già presente in vecchi libri veniva usato per rinforzare un brodo poco saporito. Una volta, quando non c'era da mangiare, serviva a irrobustire il brodo avanzato e la domenica che spesso, per farlo bastare per tutta la amiglia veniva allungato con l'acqua. Cosa vuol dire "tevdura"? (in una parte della provincia la chiamano "terdura") c'è chi pensa che l traduzione italiana sia tridura, ma tridura nei dizionari italiani non c'è, c'è tritura che vuol dire tagliare. In poche parole la traduzione in italiano non c'è. Di sicuro il nome tevdura o terdura si rifà alla mescolanza dell'uovo con il formaggio che vuotato nel brodo caldo e mosso si sparpaglia in tante briciole e brandelli.
                                                      Buon appetito.

Còl ch ' a 'gh vōl per 4 persòuni:

250 gr. ed rîs per rişôt
1 léter ed brôd
3 ōv
3 cucêr bundânt ed furmâj Grâna radû
1 psigôt ed pèiver
sêl

Preparasiòun:
fê bojêr al brôd e al rîş fîn quând al rîş l'é quêşi côt (15/16 minût).
A pêrt şbatî j ōv cun al Grâna e al psigôt ed pèiver. Ind al brô, ch' al bòj, vudê la şbatûda, şmesdê un pô fôrt an dêv mìa fêr i gnôch. Al calōr dal brôd e dal rîş a fân lighêr l'ōv e al furmâj che a se şparpâgnen, in brîşi, ind la mnèstra.
Al và servî chêld e, a piaşèir, cun 'na bòuna infurmajêda.

Nôti:
al j azdōri 'd un tèimp a fêven cōşer al rîş ind l' âcva buĵnta pôch salêda, a tirêve só al rîş dimòndi al dèint. A sculêven al rîş e al pasêven ind al brôd buĵnt, al fêven cōşer per dû o trî minût a l' ûltem mumèint a 'gh vudêven la şbatûda e pó al servîven. Cun sta manēra ed fêr al brôd al 's infisés mìa.

Curiositê:
La tevdûra l'é un cundimèint antîgh, bèle preşèint ind i vèc léber, al gnîva druvê per rinfursêr un brôd pôch savurî. 'Na vôlta, quând a gh'êra ed la filóma, al servîva a inrobustîr al brôd vansê ed la domènica che despès, per fêrel bastêr per tóta fa faméja, al gnîva şlunghê cun 'd l' âcva.
Csa vōl dîr ''tevdûra'' ? (in 'na pêrt ed la pruvîncia la ciâmen ''terdùra'')  agh'é chi pèinsa che la tradusiòun in italiân la sìa ''tridura'' mó ''tridura'' ind i disionâri italiân l' an gh'é mìa, a gh'é ''tritura'' che vōl dîr tajêr un quèl in tânt pcòun céch, oséia tridêrel. In pôchi parôli la tradusiòun in italiân l' an gh'é mìa. Ed sicûr al nòm ''tevdûra'' o ''terdùra'' al s' arfà a l'armes'ciânsa ed l'ōv cun al furmâj che vudêda ind al brôd chêld, e in muvimèint, la se şparpâgna in tânti brîsi e şbrindâj.


E... bòun aptît!

 Un grazie di cuore alla cuochina ad Anna&Ornella e a tutte voi che avete cucinato insieme a me.
                                                     Siate sempre lieti.
                                                          Nonna Dani

4 commenti:

  1. Buona domenica cara Daniela!
    Aspettando la primavera, gioire di una minestra calda e deliziosa, non può che fare bene e riscaldare, sia il corpo che lo spirito! Comunque, in qualsiasi condizione atmosferica, per noi è sempre bello ritrovarci per realizzare tutti insieme, in allegra compagnia, il meraviglioso menù della Cuochina del 2018! Un menù con tanti primi della cucina italiana ricco di bellissime ricette.

    Cuochina, Anna e Ornella ti ringraziano per essere stata dei nostri oggi e per la tua golosissima versione del Ris cun la terdura.

    Il prossimo appuntamento con la cucina aperta di Quanti modi di fare e rifare sarà l'8 aprile, ci ritroverà in Campania per preparare gli Spaghetti alla puttanesca.

    Ti aspettiamo!
    Cuochina

    RispondiElimina
  2. Ciao Dani, sempre un piacere passare da te, impossibile per me da leggere il tuo dialetto, comunque divertente! Grazie e un bacione :)

    RispondiElimina
  3. Ottima versione con note esplicative molto interessanti, “il brodo buono” la rende speciale!

    RispondiElimina
  4. ciao nonna Dani
    che post bellissimo ricco di curiosità, generoso e con una
    minestrina che fa voglia di assaggiare.
    Complimenti!
    Un bacio dalle 4 apine

    RispondiElimina

Ogni vostro messaggio è gradito purchè non offenda nessuno. I commenti anonimi non saranno presi in considerazione.