venerdì 23 gennaio 2015

CIAMBELLA REGGIANA O BRASADELA O BUSILAN

La ciambella o busilan oppure come si dice in dialetto reggiano "brasadela", sono tre nomi che caratterizzano il dolce reggiano più conosciuto e nella sua semplicità forse il più buono, perché la ciambella sa proprio di buono, d'altronde le cose semplici, fatte con pochi ingredienti sono sicuramente le migliori.  Anticamente questo tipico dolce veniva venduto per le strade da venditori ambulanti e pare provenga da una ricetta dell'800. Probabilmente trae la sua origine dal buccellato toscano da cui deriva  anche il nome "busiilan".  


Vi servirà:
g. 400 di farina 00
g. 200 di zucchero semolato
g. 110 burro
2 uova intere
la scorza grattugiata di un limone bio
1/2 bicchiere di latte
1 bustina di lievito chimico
un pizzico di sale
zucchero in granella
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

La ricetta originale prevede di impastare sulla spianatoia gli ingredienti, io per accelerare i tempi ho usato la mia aiutante indispensabile in cucina...la planetaria

Ho iniziato montando il burro con lo zucchero poi lentamente ho unito la farina e le uova, la scorza grat. del limone, sale, 1/2 bicchiere di latte per ottenere una pasta morbida ed infine la bustina di lievito.








In un secondo tempo ho trasferito l'impasto ottenuto su carta da forno, ho dato la classica forma della ciambella lasciando il buco piuttosto largo. Ho inciso la superficie con un leggero taglio tutto intorno, l'ho spennellata con il latte, (meglio il tuorlo d'uovo) e l'ho cosparsa di zucchero in granella. 








Ho messo in forno a calore medio circa 190° per 30-35 minuti.





                                          Buonissima a tutte le ore della giornata, specialmente inzuppata nel moscato dolce dei colli di Scandiano (Re) nel tè e perché no, anche nel caffè-latte al mattino.
                                                              Nonna Dani

                                       Con questa ricetta partecipo a Panissimo  di Gennaio 2015
                             
e con la gemellata polacca Zalapach Chleba per la sua raccolta mensile 





 

2 commenti:

  1. Ciao! Ho provato la tua ricetta ieri sera ed è davvero buonissima!! Grazie mille per averla condivisa!

    RispondiElimina
  2. Grazie a te per aver provato la ciambella reggiana e per essere passata da me. Un dolce saluto.

    RispondiElimina

Ogni vostro messaggio è gradito purchè non offenda nessuno. I commenti anonimi non saranno presi in considerazione.